Forte di Fenestrelle e Pequerel

difficoltà    
        : E  
partenza            : Fenestrelle m 1142
quota massima : m 1708
dislivello salita  : m 650


Questo itinerario, facile ed estremamente panoramico, riveste un duplice
interesse in quanto si svolge, per buona parte, in una fitta foresta
di conifere e lungo il bastione occidentale della Fortezza di Fenestrelle:
opera unica nel suo genere, edificata tra i secoli XVIII e XIX a
protezione di una delle più importanti vie d'accesso al Ducato di Savoia
e di comunicazione tra questo ed il Centro Europa.

Ovviamente questo itinerario è per coloro che hanno già visitato il
Forte dall'interno con visite guidate di varia durata.
Se non l'avete ancora visitato non dovete assolutamente perderlo.
info su        
www.fortedifenestrelle.it


Raggiunta Fenestrelle e superati i due tornanti all'inizio dell'abitato, subito dopo sulla destra si entra in una stradina che conduce al parcheggio del Forte di Fenestrelle (proprio di fronte all'ingresso di servizio del Forte San Carlo, il più importante dell'intero complesso), dove si parcheggia.
Tornati indietro di un centinaio di metri sulla sinistra inizia la "Strada dei cannoni" così denominata in quanto spesso utilizzata per il trasporto dei pezzi di artiglieria alle varie batterie e cannoniere, poste sul costone della montagna. Imboccato il largo sentiero ci si trova in una splendida pineta ed è possibile osservare, ad ogni svolta, il pilastrino indicante il numero progressivo dei tornanti.
Alla 14° curva si incontra una carrareccia laterale che, staccandosi alla destra, porta ad un meraviglioso ponte levatoio che un tempo costituiva l'accesso, soprattutto per il trasporto delle bocche da fuoco, alla batteria Santa Barbara posta tra il Forte delle Valli ed il Forte Tre Denti.
Ripresa la mulattiera, dopo un altro buon tratto di cammino si viene a costeggiare la fiancata del già citato Forte delle Valli e ci si immette sulla rotabile che, in discesa, accede alla borgata Puy ( m 1616) distrutta da una valanga nel 1706 e totalmente disabitata dal 1962.
Attraversato il paesello si arriva ad un ponticello in legno che permette di superare il rio Puy e imboccata una larga mulattiera (S/335-GTA) si passa sul versante opposto del piccolo vallone pervenendo al villaggio di Pequerel (m 1730) caratteristico per il robusto paravalanghe risalente al 1716.

Da Pequerel si può ritornare alle auto con il sentiero 335b che ci porta sulla strada circa 100 m oltre il parcheggio.

E' anche possibile ritornare dal Puy. Subito dopo il guado il sentiero 335a si congiungerà con il sentiero proveniente da Pequerel poco prima di raggiungere la strada.
INDIETRO