Escursioni
nelle valli
Chisone e Germanasca
C.A.I. sezione VAL GERMANASCA - POMARETTO (TO), via Carlo Alberto 34 - C.F.  85004390010 - P.IVA  06544390013
Design by Ercoleda - 2015

Accesso:
risalita la Val Chisone, si giunge a Depot, poco prima di Fenestrelle, dove una strada in salita sulla destra indica Pra Catinat, Rifugio Selleries.
La si percorre nel periodo  invernale fino al centro di soggiorno di Pra Catinat.
Nel periodo 1 giugno-31 ottobre la strada è aperta alle auto fino al Rifugio. Si prosegue lungo la strada, che poi diventa sterrata, per il Rifugio. La strada non sempre è in buone condizioni ma è percorribile con auto normali.

descrizione:
Dal
rifugio del Selleries 2023 m si imbocca il sentiero 339 che poco dopo attraversa un torrente e si inerpica con serpentine per un ripido pendio erboso dalla cima del quale si piega a sinistra seguendo un costoncino dove è posizionata una palina direzionale (q. 2200 m, 40 min). Da qui il sentiero si biforca mantenendo tuttavia la comune destinazione al lago della Manica:
- il primo sentiero risale brevemente la cresta del costone per poi percorrere un bell' itinerario a mezzacosta che porta facilmente a superare alcune facili rocce per guadare un torrentello ed arrivare al citato lago;
- il secondo invece aggira il costone scendendo brevemente sino ad una depressione dove vi è il
Lago del Laus (2.259 m- ore 0:50)) ed alcuni casotti di sorveglianza del Parco proseguendo poi sino a risalire il pendio orientale per portarsi attraverso un sentiero ben tracciato e una cascatella al lago della Manica m 2369 (15' con entrambi gli itinerari).
Ottima meta intermedia per una piacevole sosta sui prati erbosi intorno ail lago (ore 1:15)

Salita alla vetta:
Dal lago il sentiero si porta quindi sulla sponda settentrionale del Lago della Manica sino a spingersi, ben segnalato e tracciato, sino al fondo del Vallone in un percorso che si svolge inizialmente tra grossi massi e via via, sempre più in salita e tortuoso, si trasforma in pietraia per giungere al Colle Superiore di Malanotte (2616 m- 1:55). Dal Colle è ben visibile la Croce di Ferro posta in vetta alla Cristalliera e contemporaneamente terminano qui i segnavia dipinti. Per raggiungere la vetta si dovrà percorrere un itinerario segnalato solo sporadicamente da qualche ometto ma abbastanza intuitivo che si svolge interamente sulla pietraia che congiunge il Colle con la
Croce di Ferro in vetta (q. 2801 m; 35 minuti dal colle).

Ritorno:
Se si vuole percorre un anello anzichè scendere per il sentiero percorso, ritornati al colle Superiore di Malanotte prendere il S/507 che scende dalla parte opposta verso il Pian delle Cavalle e a m 2281
incrocia il 508 che sale verso il Colle di Malanotte m 2587. Oppure fuori sentiero attraversare la Punta Malanotte e raggiungere il colle Malanotte. In questo modo si evita la discesa e la conseguente salita al colle.
Con un traverso pianeggiante si raggiunge poi il colle del Sabbione m 2569.
Da qui si scende per il sentiero che proviene dal Rifugio Selleries che è visibile giù in basso.


02.2C Punta Cristalliera m 2801
        per il colle di Malanotte e del Sabbione



partenza : Rif.Selleries m 2023  (coord. 45 02.859, 007 07.198)
Per la Cristalliera:
dislivello :
m 760
lunghezza: m 3780
sentiero  : 339 per il Colle Sup.di Malanotte
tempo     : 2h30
difficoltà : E- F

per l'anello completo:
Dislivello   : 1225
Lunghezza: m 11240
tempo       : 5:00