Escursioni
nelle valli
Chisone e Germanasca
C.A.I. sezione VAL GERMANASCA - POMARETTO (TO), via Carlo Alberto 34 - C.F.  85004390010 - P.IVA  06544390013
Design by Ercoleda - 2015

05.3A Col Mayt  m 2706
       Laghi della Fionière m 2680
       Colle della Fionière m 2809

partenza :
Parcheggio Montenero m.1912  
(coord. 44 53.211, 006 56.966)

dislivello :  m   1150
lunghezza:  m 12800
tempo     : ore  5
difficoltà :   E

Accesso:
Da Cesana proseguire diritto per  Bousson e poi continuare per Sauze di Cesana
Dopo circa 2 km in direzione Sestriere, si trova la deviazione per la  Val Argentera .
Da Sestiere alla rotondina in centro al paese prendere a sinistra per Sauze
di Cesana.
Dopo il bivio per Bessen Bas troverete l'indicazione "Val Argentera"
La strada è in buone condizioni fino al fondo del vallone dove c’è il bivio per  l’agriturismo Alpe la Plane (parcheggio Monte Nero m.1912).
La strada prosegue con una ripida salita iniziale e in 1,5 km raggiunge il  Piano della Milizia m 2111 ma è percorribile solo da fuoristrada o con auto “alte”.
   
descrizione :

Seguendo la sterrata si arriva al Piano della Milizia dove prima del ponte a dx parte il sentiero 611 che s'inoltra nel vallone del Gran Miol dapprima quasi in piano per poi salire decisamente in vista, sul versante opposto della  Bergeria. Il bel sentiero è segnalato con tacche bianco e rosse.
Passando da un
ricovero militare m 2590, nelle vicinanze di una fontana incrociamo il sentiero che ci porta ai laghi. Saliti al Col Mayt (nella casermetta è stato ricavato un bivaccosempre aperto)e ridiscesi al bivio prendiamo il sentiero balcone che ci porterà al Laghi della Fionière.
Il sentiero passa poco sopra il lago inferiore e porta comodamente al lago superiore. Il colle si raggiunge in 15 minuti. Ripassando dal seguiamo il sentiero quasi sparito lungo la sinistra orografica del vallone. Il sentiero in alcuni tratti è abbastanza evidente mentre in alcuni altri bisogna cercare gli ometti. Nel bosco non ci sono particolari problemi tranne che in fondo a circa 2100 m il sentiero è interrotto da una frana per cui tenersi alla sua destra scendendo sul pendio più logico fino ad incrociare un sentierino e in breve la strada sterrata che porta al parcheggio.