Escursioni
nelle valli
Chisone e Germanasca
C.A.I. sezione VAL GERMANASCA - POMARETTO (TO), via Carlo Alberto 34 - C.F.  85004390010 - P.IVA  06544390013
Design by Ercoleda - 2015

06.6      Colli Chabaud e Bousson e lago Nero
         
anello da Rhuilles


Partenza              : Rhuilles m 1665  (coord. 44 54.361, 006 50.023)
Colle di Chabaud  
: m 2215
Difficoltà            : E
Anello                : ore  6:30
Dislivello               : m 857


La Val di Thures è una valle chiusa che si raggiunge dalla strada
che collega Cesana Torinese a Bousson.
Da Torino si prende l’autostrada A32 in direzione Bardonecchia.
Si esce a Oulx est e si prosegue in direzione Cesana.
Arrivati in paese si seguono le indicazioni per Bousson e dopo
pochi chilometri si prende la deviazione a destra che si arrampica
fino alla Val Thuras.
Attraversata la borgata di Thures, bel
rifugio con fontana in pietra, si scende a Rhuilles si supera e si parcheggia nei pressi del ponte.
Utilizzare la sterrata che sale regolarmente, oppure il sentiero che taglia i suoi vari tornanti.
Quando la pendenza cala si giunge all’antica frazione di Chabaud, (ruderi di baite).
Le si supera e si prosegue costeggiando il torrente, fino al cartello di Ponte Giazzes, dove si seguono le indicazioni verso sinistra.
La salita è ora molto dolce e si risalgono ampi pianoroni che portano al Colle di Chabaud (circa 3 ore)
In questo momento si è in territorio francese e lo si percorre fino al colle di Bousson, seguendo i paletti di legni, dove si rientra in Italia.
Si punta ad un rudere posto sulla cima di una collina per poi scendere alla sua sinistra, una pista che va seguita in debole discesa fino alla
Capanna Mautino (circa 4 ore).
Dal rifugio si prosegue la discesa sulla sterrata fino al cartello in legno che indica la località
Lago Nero.

Ignorando le varie deviazioni proseguere sullo sterrato. Lasciata a Dx la deviazione per il Pont Chabaud dopo circa 150 m sempre sulla Dx un sentiero scende verso il rio
e raggiunge il cartello di Piano Dalmà, un ampio pianoro con una bella casa.
Proseguendo lungo l’evidente sentiero alla sinistra del rio, si continua a perdere quota fino a giungere al bivio (m 1534) con la sterrata che sale da Bousson.
La sterrata si mantiene sul lato destro, nel senso di marcia, del fiume e raggiunge il ponte dove avete lasciato le auto.