Escursioni
nelle valli
Chisone e Germanasca
descrizione:
Appena prima della bergeria Toya non attraversare il torrente ma lasciare l'auto sul prato a sinistra; il sentiero segue il corso d'acqua tenendosi sulla destra idrografica. Subito dopo una presa dell'acquedotto porre molta attenzione, dato che sulla sinistra si stacca una traccia poco visibile che, seguendo prati e valloncelli, si muove inizialmente verso N, per poi riportarsi in seguito nel vallone di salita.
Per buona parte dell'itinerario fino al Colle si susseguono tracce confuse, per cui occorre cautela soprattutto in caso di nebbia. Giunti alla depressione si segue quasi il filo di cresta lungo un sentierino, tenendosi sul versante di Ghigo; ad un certo punto si giunge a un collettino.
Di qui la scelta dell'itinerario non è affatto evidente: il sentiero che porta al Passo della Scodella è ormai franato in più punti e non consigliabile, soprattutto a chi soffre di vertigini. Chi volesse comunque seguire quest'itinerario, giunto al Passo Scodella volti a destra e, seguendo la cresta sud, arriverà in cima senza ulteriori difficoltà. L'itinerario consueto di salita si diparte a destra (versante Rodoretto), ma il canale che permette di giungere in cima è anch'esso parzialmente franato, rendendo penosa e delicata soprattutto la discesa. Una volta superato il canale, dalla cui base è ben visibile la croce di vetta, si arriva in pochi metri alla meta Il tracciato non è segnalato né da tacche né da cartelli in alcun punto, ragion per cui è decisamente sconsigliato in caso di scarsa visibilità.
Punta Vergia m 2990

partenza : Bergeria Balma m 1883

dislivello      :  m 1017
tempo        :  ore 3:00
difficoltà     :  EE
esposizione :  Nord
C.A.I. sezione VAL GERMANASCA - POMARETTO (TO), via Carlo Alberto 34 - C.F.  85004390010 - P.IVA  06544390013
Design by Ercoleda - 2015