C.A.I. sezione VAL GERMANASCA - POMARETTO (TO), via Carlo Alberto 34 - C.F.  85004390010 - P.IVA  06544390013
Design by Ercoleda - 2015

Escursioni
nelle valli
Chisone e Germanasca
10.2 Colle di Rodoretto m 2777


partenza :  
Balma    (coord. 44 54.938, 007 01.047)
Dislivello    : m 1130
Lunghezza: m 7294
Tempo       : ore 3:30
Difficoltà   : E


Seguendo la strada per Prali, dopo Perrero, si incontra la deviazione per Rodoretto
dal quale si prosegue per Balma m 1713 su sterrata in buone condizioni e poi volendo
su sterrata non in buone condizioni fino all’alpe Balma m 1883.  

 
descrizione:
La sterrata in buone condizioni termina nell' abitato della Balma. Si può continuare sulla sterrata
in condizioni accettabili fino al ponte che porta all' Alpe della Balma 1883 mt (da Balma circa 30')
Dopo il ponte, si incontra un palina  indicante l’itinerario 212 per il Col di Rodoretto m 2777 e il 213 per il Colle Valletta.
Il sentiero 212 ha origini militari e quindi sale in modo costante e regolare. Inizialmente passa sopra la bergeria per poi piegare, a sinistra, in direzione del Colle, all’interno del bosco di conifere.

Dal ponte è possibile svoltando a Sx, anzichè andare verso la bergeria, prendere il sentiero 213 per il Colle Valletta evitando in questo modo di passare in mezzo alla bergeria con i relativi intoppi.
Poco sopra la bergeria la mulattiera si divide: a dx per il colle della Balma, a Sx per il colle di Rodoretto.
Si sale con pendenza regolare e costante per tutto il lungo tratto che porta al colle. Lunghi traversi e ripetute svolte che seguono la natura del pendio, consentono alla traccia di alzarsi, prima nel bosco dove si aprono radure pascolative, poi sul nudo pendio tra ginepri e rododendri. Un ometto ed un paletto segnalano il punto in cui si stacca il sentiero alternativo per il colle della Capra sotto il monte Barifreddo. Superato un modesto rigagnolo, la traccia s’addentra sempre più verso il colle. Raggiunta la conca alla base del colle già s'intravedono i
ruderi del ricovero militare. Si percorrono infine un’ultima serie di diagonali tra gli sfasciumi seguendo la traccia, rovinata ma sempre visibile, che porta ai ruderi dei ricovero poco sotto al colle di Rodoretto mt. 2777 stretto valico comunicante con la valle Argentera attraverso la diramazione della valle Lunga.

Punta Acuta m 2881
Dal colle si piegando a sx, lasciando alle spalle il crocevia,  per facili tracce lungo il filo di cresta si perviene in 15’ alla vetta della Punta Acuta.
Bel panorama sulla Punta Vergia, Ramiere, Boucìe, Vallone dell’Argentera, si vedono anche l’Ecrins e lo Chaberton. circa 1000 m più in basso nella valle è visibile il punto di partenza.