Escursioni
nelle valli
Chisone e Germanasca
C.A.I. sezione VAL GERMANASCA - POMARETTO (TO), via Carlo Alberto 34 - C.F.  85004390010 - P.IVA  06544390013
Design by Ercoleda - 2015


descrizione:
Superato il parcheggio della seggiovia dei 13 Laghi a Prali, si percorre per un tratto brevissimo la strada asfaltata che conduce a Giordani dove un ampio spazio consente il parcheggio. (coord.44 52.570, 007 02.359)

Imboccando sulla sinistra una stradina sterrata (indicazioni 13 laghi) e sale ripida descrivendo alcuni tornanti.
Si superano le Miande Rabbiere e le Auberge si lascia a Sx il 207 per imboccare il 204 che porta alle Miandette e poi a 13 Laghi.

Seguire la stradina che sale verso le Miande Lausarot (che non si raggiungono) fino ad incontrare sulla sinistra un sentiero che abbandona i pascoli e sale ripido nel bosco di larici inoltrandosi nel vallone dei tredici laghi. Con un lungo traverso, si giunge sotto una bastionata rocciosa dove il sentiero diventa accidentato e pietroso.
Sempre molto ripido, il tracciato si porta sotto lo sbarramento di rocce montonate che chiude a est la conca dei Tredici laghi, che si raggiunge dopo alcune svolte. Da qui, si scende leggermente costeggiando il Lago la Drajo, passando accanto ad alcune casermette, per riprendere poi a salire in direzione della Punta Cialancia.
Lasciata a sinistra la deviazione per il Lago Rametta, si percorre una mulattiera pietrosa fin nei pressi del lago Nero e della cresta tra Cornour e Passo Roux. Ad un tornante poco sotto la cresta, si abbandona la mulattiera per seguire tracce di sentiero, tacche di vernice rossa e ometti indicatori che conducono con un lungo traverso alla cresta soprastante e alla base della piramide del Cornour (in questo tratto le tracce di sentiero sono piuttosto esposte dal lato della Val Pellice). Sempre seguendo le tacche rosse e gli ometti si percorre la larga cresta NE su grossi blocchi di pietra, a volte instabili, per portarsi sopra un primo risalto. Da qui, si traversa a destra portandosi sul pendio di sfasciumi della parete nord e, per tracce di sentiero, si raggiunge facilmente la vetta.




14.06 Punta Cornour
         da Ghigo di Prali

partenza : Ghigo di Prali m. 1460
quota vetta     : m. 2868
dislivello          : m. 1406  - lunghezza 9210
tempo              4h 30'
difficoltà         : EE
esposizione     : Nord-Ovest


E’ possibile sfruttare la seggiovia che porta al Bric Rond e ai sottostanti 13 Laghi
riducendo il dislivello di ca. 1000 m.    
La Punta Cornour, offre una visuale eccezionale sulla pianura e sulle  Alpi, dalle
Marittime al Monte Rosa.
E' possibile abbinare la gita alla salita di Punta Cialancia e Passo Roux.