1a verso il Monviso- dal Rifugio Lago Verde al Rifugio Jervis

Per il bivacco Soardi
Dislivello  +970  -1790
Sviluppo =  km 12.100
Tempo=   5:30 ore

Salire al Passo Boucie  m 2737 (50 min) con il  sentiero che parte di fronte al rifugio.
Scendere per circa 10 min. sul versante francese fino ad incontrare, segnalato, a
sx (a circa 2650 m) la variante breve per raggiungere il bivacco Soardi.
Seguire gli ometti e la traccia che in circa 20-30 min raggiunge il bivacco il Col Boucģe,
subito sotto ecco il bivacco.
 
Dal bivacco Nino Soardi, che si trova in prossimitą del valico, scendere dal lato della
Val Pellice per il sentiero 120 che passa sotto le balze rocciose della Punta Giornivetta.

Una discesa e poi in lieve salita si arriva al Col di Boina a 2412 m, depressione erbosa del breve crestone divisorio tra i Valloni di Malaura e Boucier.
 Lasciare il sentiero 121 che ora sale al col Malaura e prendere a sx per il sentiero 120 che andrņ ad incociare nuavamente 121 al Pian della Crosennetta m 2160.
A questo punto scendere per il S/121 , piegando decisamente a sinistra in lieve discesa ci si porta verso l'altura del Cunaliot.ci si abbassa di 300 m e con un altro traverso in lieve discesa si raggiunge
il pianoro dove sorge l'alpe di Crosenna m 1645 (agriturismo)
Si lasciano a sinistra il sentiero che sale al Col Countent e quello che scende a Villanova prendendo quello di destra che dopo un 500 m in piano ricomincia a salire gradatamente aggirando la cresta che scende dalla Gran Gorgia e portandosi sempre pił verso la testata della valle mantenendosi circa a quota 2000 m.
Raggiunta la comba dell'Urina si incontra  il sentiero 119  che da Pra sale al colle omonimo.
Poco dopo si arriva alle Barricate (ore 5:00 ), resti di casermetta militare, e quindi si scende al Pra dove si trova il Rifugio W.Jervis m 1742.